Acque termali Viterbo: Itinerari della salute e vacanze benessere

Acque Termali: Terme di Viterbo per una Vacanza Benessere: da Villa la Paiola, a due passi da Roma, i migliori centri termali per il tuo benessere!

Viterbo è in una zona termale tra le principali del Lazio, e di tutta l'Italia. Le acque termali di Viterbo sono conosciute dall'antichità: sia gli Etruschi che i Romani ne fecero largo uso per la pulizia e per la cura di molte malattie. Sono stati i primi a capire il valore sociale della salute e dell'igiene. In più, nell'epoca romana, le sale del calidarium e la piscina termale del tepidarium sono diventate il palcoscenico per le trattative politiche e imprenditoriali. Ai nostri giorni, Viterbo dispone di un patrimonio di sorgenti e stabilimenti termali tra i più rinomati in Italia: la Sorgente termale delle Piscine Carletti, le Terme di Bulicame, le Sorgenti termali del Bagnaccio. Le notevoli proprietà terapeutiche di queste acque termali sono utilizzate, soprattutto, nei centri benessere per la cura della bellezza. I due stabilimenti Terme dei Papi e Terme Salus, offrono servizi di altissimo livello, dotati di attrezzature per:> l' antroterapia ( utilizzo di vapori termali in grotte caldo-umide)
> le cure inalatorie
> la luto - balneoterapia ( fanghi sorgivi terapeutici )
> la massoterapia ( massaggi antistress con acqua calda ad alta pressione )
> la dermatologia
> la cosmetologia
> balneoterapia ( piscine con acque sulfuree)
> i percorsi di cure termali per vasculopatia ed altre patologie.
L'acqua è l'elemento essenziale della vita. A causa delle caratteristiche geologiche di Viterbo, le acque hanno effetti particolarmente salutari, è quindi una zona ideale per le vostre vacanze alle terme vicino a Roma.

Le acque termali provenienti dai Monti Cimini, viaggiano attraverso gli strati di roccia vulcanica e sono ricche di minerali. L'acqua penetra in profondità del terreno, scorre attraverso la roccia porosa fino a raggiungere gli strati impermeabili. Spesso cambia rotta. Una parte dell'acqua ferma il flusso alla profondità di 3000 m. Qui l'acqua si riscalda, infine sale in superficie presso le sorgenti termali calde. L'acqua sgorga ad una temperatura di 87° C, viene utilizzata per preparare fanghi di grande effetto terapeutico ed è classificata come solfureo - solfato – bicarbonato – alcalino - terrosa e può quindi essere utilizzata per diverse cure termali.
Le principali terapie offerte dai centri termali includono:
> Inalazioni
> Aerosol di Sonico
> Bagni
> Idromassaggi
> Fanghi termali (Cure con fango naturale)
> Lavande vaginali
> Permanenza in grotte calde
> Insufflazioni endotimpaniche
> Trattamenti cosmetici
> Cure dermatologiche
> Trattamenti di bellezza
Le acque termali son anche usate nella reumatologia locomotoria, per le malattie otorinolaringoiatriche e ginecologiche insieme con la prevenzione e la cura delle parodontopatie, ecc. In epoche neolitiche, gli abitanti di questa regione potrebbero aver pensato ad un potere misterioso, di un fenomeno super - naturale, alla vista dell'acqua gorgogliante e fumosa. Nel periodo medievale e rinascimentale questa zona ospitò Papi come Nicolò V ( credevano le acque termali un vero toccasana contro la vecchiaia ), nobili, studiosi e letterati, ecc, tra i quali spicca il nome di Dante Alighieri che ha lasciato un riferimento preciso di acque termali di Viterbo nella Divina Commedia, Inferno - Canto XII e Inferno - Canto XIV. Anche Michelangelo Buonarroti fu ospite delle terme di Viterbo, tanto che ha lasciato un suo progetto alle Terme del "Bacucco".